Pregio e arte del ferro battuto

0
636

Schermata 2013-03-19 alle 15.02.31

L’avvento di magazzini per la grande distribuzione come Ikea o Mondo Convenienza, ha decisamente cambiato il modo di arredare le nostre abitazioni. La facilità di vedere in grandi Show Room tante soluzioni e prezzi sensibilmente più bassi sono aspetti sicuramente importanti, ma non devono farci dimenticare il gusto per l’estetica che da secoli  contraddistingue il nostro paese. In Italia esistono dei veri e propri artisti per i nostri elementi d’arredo, con la possibilità di ritrovare ancora materiali pregiati che hanno segnato la nostra storia. Come il ferro battuto.

Il ferro battuto è un materiale che sfida il tempo: in ogni epoca storica ha avuto ogni genere di applicazione, dal semplice manufatto all’elemento strutturale (cancelli, scale, recinzioni, balconi) o decorativo (sedie, tavoli, candelabri, lampade), fino a componenti di grandi opere artistiche e architettoniche. Dagli Egizi ai Fenici, dagli Ebrei ai popoli dell’Egeo, tutti i popoli che sono transitati dalle nostre coste hanno lasciato valide e significative testimonianze della loro abilità lasciandoci in eredità una grande scuola i fabbri ferrai. Una tradizione che di certo non si è ancora sopita.

A Milano si può rivivere questa storica atmosfera grazie a molte importanti officine di ferro battuto. Tra le più importanti, senza ombra di dubbio, ci sono le Officine Ariotti. Fondate nel 1929, operano nel settore del ferro battuto da oltre 80 anni. Nello Showroom di Corso XXII marzo 41, a Milano, potrete vedere e toccare con mano alcuni dei pezzi pregiati della loro produzione. La decennale esperienza contraddistingue tutti i prodotti proposti: dalla cura di intrecci unici per portoni e inferriate, alla originalità di serramenti, persiane e cancelli meritano senza dubbio una visita. La qualità dei prodotti delle Officine Ariotti è certificata anche dal Comune di Milano, che le ha scelte come partner sin dai primi del ‘900.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here