TUTTI I BONUS DEL 2016 dal risparmio energetico alla ristrutturazione edilizia

0
298

immagine181

La Legge di Stabilità ha ufficialmente prorogato a tutto il 2016 le detrazioni fiscali del 65% per la riqualificazione energetica e l’adeguamento antisismico degli edifici del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. La proroga ai livelli attuali varrà soltanto per il 2016, a meno che il Governo non decida diversamente, a partire dal 2017 tutti i bonus si ridurranno al 36% e le spese massime verranno dimezzate.

ECOBONUS
• Confermata anche per il 2016 la detrazione fiscale del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici per privati e condomini realizzati entro il 31 dicembre 2016. Da sottolineare è l’estensione della detrazione anche alle case popolari, in particolare agli ex Iacp.
• L’ecobonus consiste in una detrazione fiscale dall’IRPEF o dall’IRES, ripartita in 10 anni su una spesa massima di 100.000€.
• Possono usufruire dello sgravio tutti i contribuenti che sostengono le spese per gli interventi su edifici esistenti fino al 31 dicembre 2016. La detrazione può essere richiesta da enti pubblici, privati e anche dai condomini per i lavori sulle parti comuni, gli inquilini, chi detiene l’immobile in comodato e i familiari che convivono con il possessore e sostengono le spese.
• L’ecobonus non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali.
• Gli interventi ammissibili devono riguardare:
– La riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
– Il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre, porte ecc.);
– L’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda;
– La sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale;
– Il miglioramento energetico delle case popolari;
– Lavori di adeguamento antisismico, messa in sicurezza di edifici esistenti e aumento dell’efficienza idrica e del rendimento energetico per un massimo di spesa di 96.000€ (in questo caso però l’immobile deve essere localizzato in una zona ad alta pericolosità sismica (1 o 2 di rischiosismico).

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA
• Sono beneficiari della detrazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche, residenti o meno nel territorio dello Stato. L’agevolazione spetta sia ai proprietari degli immobili che ai titolari di diritti reali o personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi.
– Manutenzione straordinaria;
– Ricostruzione o ripristino dell’immobile danneggiato da eventi calamitosi;                           – Relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali;
– Eliminazione delle barriere architettoniche, aventi a oggetto ascensori o montacarichi;
– Sugli immobili finalizzati a prevenire il rischio l compimento di atti illeciti da parte di terzi;
– Finalizzati alla cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico;
– Effettuati per il conseguimento di risparmi energetici, in modo particolare attraverso l’impiego di fonti rinnovabili;
– Adozione di misure antisismiche e di messa in sicurezza degli edifici;
– Bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere voltea evitare gli infortuni domestici.

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI
• Prorogata fino al 31 dicembre 2016 anche la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.
• L’acquisto deve essere effettuato entro il 31 dicembre 2016.
• L’importo massimo di spesa ammessa in detrazione è di 10.000€ e per ottenere il bonus è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quelladi acquisto dei beni.
• La detrazione per l’acquisto dei beni si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi
caso però l’immobile deve essere localizzato in una zona ad alta pericolosità sismica (1 o 2 di rischiosismico).
Resta da stabilire se il bonus possa essere esteso agli under 35 che decidono di mettere su famiglia e che potrebbero accedere all’incentivo senza l’obbligo di ristrutturazione edilizia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here