SCENARI POST BREXIT, IL MUTUO A TASSO FISSO DIVENTA ANCORA PIU’ CONVENIENTE

0
895

shutterstock_343482590

A partire dal 24 Giugno l’assetto europeo ha subito un duro contraccolpo con la decisione, da parte della maggioranza del popolo britannico (il cosiddetto popolo del “leave”) di abbandonare l’Unione Europea attraverso un referendum che ha coniato l’ormai celebre termine Brexit (che unisce le due parole “Britain” ed “exit” ), termine ormai sulla bocca del mondo intero e che tanto sta facendo discutere stampa, mondo politico e finanziario, soprattutto in virtù delle possibili conseguenza che questa scelta potrebbe comportare. Il mondo in cui viviamo oggi è totalmente connesso e in quanto tale vive attraverso un economia che si interseca attraverso i mercati, non è quindi così sorprendente che una decisione di tale portata storica, influenzi la finanza degli altri stati europei, trai quali anche l’Italia. Tuttavia non è necessariamente detto che queste interconnessioni portino risultati negativi, almeno per quanto ci riguarda. La caduta dei titoli inglesi ha avuto come conseguenza una caduta dei tassi interbancari e una riduzione dello spread  per quanto riguarda i mutui a tasso variabile e quelli a tasso fisso. Questo accade per due motivi, il primo è che assieme ai titoli inglesi sono crollati anche i titoli di stato tedeschi (Bund) ai quali è collegato anche l’andamento dell’Eurirs ovvero il tasso di riferimento calcolato giornalmente dalla European Banking Federation, che indica il tasso di interesse medio al quale i principali istituti di credito europei stipulano swap a copertura del rischio di interesse. Il secondo motivo è che la Brexit lascia intravedere, per gli Istituti Bancari centrali, nuove zone d’espansione che portano ad una spinta verso il basso per quanto riguarda i tassi di mercato in particolare quelli nominali per i mutui a tasso fisso. In un paese come l’italia, in cui il tasso fisso è preferito a quello variabile da oltre la metà degli italiani, la Brexit rappresenta quindi un’occasione da non perdere, non solo per chi deve oggi accendere un nuovo mutuo ma anche per chi sta valutando di richiedere la surroga del suo vecchio mutuo con uno a tassi decisamente più interessanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here