I PALAZZI STORICI DI MILANO TORNANO A SPLENDERE

0
150

Il centro di Milano non è solo Piazza Duomo o Brera o Viale Montenapoleone, chi conosce e ama la metropoli meneghina, sa che, attorno alle vie più famose, vi è uno splendido dedalo di vie, vicoli e stradine tipiche della vecchia Milano, meno rinomate ma ricche di quel fascino antico che ha rischiato, in passato il degrado più totale.  Oggi quest’area sta conoscendo una nuova vita, grazie allo sviluppo del mercato immobiliare di pregio, mercato che catalizza l’ attenzione  da parte di investitori sempre più interessati, provenienti dall’estero ma, anche e soprattutto dall’interno dei confini nazionali. Ed è proprio questo interesse che ha permesso l’avviarsi di nuovi cantieri, volti non semplicemente alla commercializzazione di nuovi appartamenti di lusso ma anche alla ristrutturazione e risanamento di antiche dimore storiche che rischiavano il degrado assoluto. Parliamo ad esempio del Palazzo Morigi, ubicato nell’omonima via a ridosso di Corso Magenta, una dimora nobiliare del ‘400 espropriata dal Comune nel 1939 e lasciata in stato di completo abbandono per anni fino alla recente rinascita come sontuosa residenza di appartamenti e uffici. A pochi metri sorgono dalle ceneri di un edificio distrutto dai bombardamenti della II^ guerra Mondiale, le eleganti residenze di Palazzo Gorani, al quale si affianca la torre medioevale anch’essa sottratta al disfacimento che incombeva su di essa da più di 40 anni. Vicino a piazza Duomo, invece, si sviluppa il recupero dell’imponente Palazzo Beltrade, realizzato da Piero Portaluppi negli anni ‘30 e sede storica della RAS, un recupero che ha fatto risaltare tutte le peculiarità stilistiche originali amplificandone la raffinatezza e l’eleganza. Ma questi esempi sono solo una minima parte del grande numero di interventi che vengono effettuati ai grandi palazzi storici milanesi, opere che raccolgono l’eredità del passato e la trasportano in una nuova dimensione di bellezza ed eleganza dal valore inestimabile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here