MUTUI E SPREAD NELLA SITUAZIONE ATTUALE

0
23

Fino alla formazione del governo si è sentito continuamente parlare di SPREAD, l’attenzione mediatica ha assunto le forme più diverse, sul Sole 24 Ore si leggeva: “Mutui, perché lo spread (per qualche mese) ne riduce i costi”; sul Corriere della Sera invece: “BTP, prestiti e mutui, quanto ci costerà l’effetto-differenziale?”. 

L’allarmismo in questo campo non solo non fa bene a nessuno, ma è anche fuorviante, così come le previsioni – più che mai complesse…

Prendiamo il toro per le corna, la prima delle due, ovvero lo Spread che preoccupa nell’arena politica, che è il differenziale tra i BTP e i BUND, e la seconda, cioè lo spread che preoccupa di più i risparmiatori italiani e influisce sui mutui, che è il ricarico dell’istituto in aggiunta ai tassi base Euribor e Eurirs. 

Le due corna/i due spread non sono correlati, non influenzano direttamente la situazione ad oggi, che è sempre molto positiva per chi sia interessato ad “acquistare” denaro. Infatti da 30 anni a questa parte i tassi (sia variabili che fissi) sono ottimi, e ultimamente i tassi in generale sono ai minimi. Certo, acquistare casa oggi richiede diversi accorgimenti, tra cui: una comprovata solidità economica, la dimostrazione di poter sostenere una determinata rata, la “fedina creditizia” pulita. Per questo però potete tranquillamente rivolgervi a consulenti esperti (i consulenti di Quick Mutui sono sempre disponibili a contattare senza impegno chi sia interessato a saperne di più). 

Avrete notato anche che in molti scrivono che se la situazione politica dovesse essere più instabile in futuro e attrarre meno investimenti esteri, tra qualche mese i tassi potrebbero aumentare. Questo è vero, così come lo è in qualsiasi altra situazione storica, come è valida la regola instabilità = maggior rischio = maggior costo del denaro.  

I mutui sono indicizzati a parametri Europei (Euribor e Eurirs) e se in Italia la situazione è instabile, l’impatto sull’Euribor è pressochè nullo, ancor peggio se in presenza di shock asimmetrici (tali per cui altre nazioni in Europa hanno performance positive che contrastano e neutralizzano la situazione negativa italiana o di un altro singolo stato). 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here