LA SUCCESSIONE

0
1577

Quando una perdita colpisce una famiglia e la burocrazia reclama i suoi adempimenti è bene avere qualche nozione in merito a una materia delicata ove comunque, grazie alla sua preparazione specifica, l’intervento del notaio è fondamentale per tutti i passaggi di una successione sicura.

Quando una perdita colpisce una famiglia e la burocrazia reclama i suoi adempimenti è bene avere qualche nozione in merito a una materia delicata ove comunque, grazie alla sua preparazione specifica, l’intervento del notaio è fondamentale per tutti i passaggi di una successione sicura.

• successione testamentaria quando è regolata da un testamento;

• successione legittima in mancanza di un testamento, la successione è regolata dalla legge.

Nel caso esista un testamento, ma non disciplini l’intera successione, la stessa sarà in parte testamentaria e in parte legittima. A taluni soggetti, quali il coniuge, i discendenti e gli ascendenti in mancanza di discendenti, spetta in ogni caso il diritto ad una quota di eredità.
La successione per causa di morte impone una serie di adempimenti anche dal punto di vista fiscale. In particolare, entro un anno dall’apertura della successione, i chiamati a succedere devono presentare al competente Ufficio dell’Agenzia delle Entrate la dichiarazione di successione. Tale dichiarazione contiene le generalità dei successori e la descrizione dei beni oggetto della successione, ed è funzionale al pagamento dell’imposta sulle successioni. Si tratta di un adempimento fiscale di fondamentale importanza, in quanto costituisce condizione imprescindibile al fine di poter disporre dei beni ricevuti a causa di morte.

Per acquisire l’eredità occorre accettarla. L’accettazione (che non può riguardare solo una parte dell’eredità) può essere espressa
con un ricevuto dal notaio o dal cancelliere del Tribunale del luogo ove il defunto aveva l’ultimo domicilio oppure tacita, cioè desumibile da un comportamento che manifesti la volontà di accettare (per esempio con il trasferimento della residenza nella casa ricevuta in eredità). Se l’erede accetta, subentra al defunto anche nei debiti.
Per questo motivo la legge prevede, con le medesime formalità richieste per l’accettazione espressa, la possibilità di:

• rinunciare all’eredità, cioè di rifiutarla (con la conseguenza, però, che saranno chiamati all’eredità i discendenti);

• di accettare con beneficio di inventario (obbligatorio in caso di eredi minori, incapaci, o di persone giuridiche), in modo da non rispondere dei debiti del defunto con il proprio patrimonio personale, ma solo nei limiti del valore di quanto ricevuto in eredità.

Grazie alla sua professionalità, l’intervento del notaio è di estrema importanza poiché egli si occupa di tutti questi campi:

• coadiuva i successori nella predisposizione e tempestiva presentazione della dichiarazione di successione;

• cura la conseguente voltura catastale a favore degli eredi della intestazione dei beni del defunto presso gli uffici catastali;

• riceve gli atti di notorietà necessari allo svincolo a favore degli eredi di conti correnti o titoli intestati al defunto;

• cura l’ottenimento delle autorizzazioni giudiziali necessarie in caso di lasciti devoluti a minori o incapaci;

• riceve gli atti relativi all’acquisto o al rifiuto dell’eredità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here